Accreditamento strutture

L'accreditamento istituzionale

L'accreditamento istituzionale rappresenta il processo attraverso il quale le strutture autorizzate, pubbliche e private, acquisiscono lo status di soggetto idoneo all'erogazione di prestazioni sanitarie nell'ambito e per conto del Sistema Sanitario Nazionale e quindi si trasformano in potenziali erogatori.

L'accreditamento, che è obbligatorio solo per le strutture sanitarie pubbliche, mentre è volontario per le strutture private, è per sua natura un processo in continua evoluzione e avviarlo significa attivare un processo di miglioramento continuo della qualità del Sistema sanitario.

A far data dal 1 gennaio 2011 le funzioni in materia di accreditamento dei presidi sanitari e sociosanitari, pubblici e privati, sono svolte dall'Agenzia Regionale Sanitaria, alla quale sono trasferite tutte le mansioni proprie della Commissione di cui all'articolo 13 della legge regionale 20/1999, soppressa ai sensi dell'articolo 18 della legge regionale 29/2012

Accreditamento istituzionale delle organizzazioni sanitarie e dei professionisti

Sono le “strutture sanitarie” intese come articolazioni organizzative dotate di autonomia tecnico-professionale organizzativa e gestionale che erogano prestazioni e servizi sanitari.

Per l’istituto giuridico della Autorizzazione, per “strutture sanitarie” si intendono invece le strutture fisiche entro le quali si realizza attività sanitaria. Per le Aziende sanitarie pubbliche il livello di applicazione ottimale delle verifiche è il Dipartimento. Per le strutture private il livello di applicazione delle verifiche è la Direzione e le articolazioni presenti (casa di cura, poliambulatorio, residenza, ambulatori, servizi territoriali del sistema sangue, del trasporto infermi, …).

Per l’accreditamento dei professionisti come singoli, il DLgs 229/1999 prevede che essi siano accreditati sulla base di evidenze che attestino l’impegno di formazione continua e una esperienza professionale adeguata. È prevista la possibilità di effettuare inoltre “accreditamenti” di programmi assistenziali (es. screening) quando le strutture partecipanti sono accreditate e sono presenti i relativi requisiti specifici.

Possono pertanto essere oggetto di procedimenti di accreditamento:

  • le strutture sanitarie pubbliche e le strutture sanitarie private dotate di autonomia gestionale, organizzativa e tecnico-professionale (strutture = organizzazioni sanitarie, per esempio: un dipartimento, un ospedale, una residenza, un poliambulatorio)
  • intere strutture o parti di una struttura fisica (per esempio: un dipartimento/raggruppamento all’interno di un ospedale pubblico o privato)
  • programmi clinico-assistenziali
  • singoli professionisti